image1

 

Rendered Image

by cilentano.it

Welcome

Sono circa un migliaio gli abitanti di Ispani, suddivisi tra il centro, San Cristofaro e Capitello. Posto su una collina che domina il Golfo di Policastro, questi luoghi accoglienti offrono al visitatore i gusti e la quiete della campagna inebriati dagli odori salmastri. Eccellente luogo per una spensierata villeggiatura, a pochi passi dal mare e dai monti cilentani, Ispani offre agli amanti della conoscenza storica molti spunti culturali. Nel periodo estivo si tengono feste religiose e sagre: 25 luglio S. Cristofaro, 7 agosto S. Donato e nella prima quindicina di agosto la sagra della cucci'a, piatto tipico a base di legumi. 

Da provare: Fico bianco del Cilento, Cuccia.

Alloggiare: (prossimamente) elenco delle strutture ricettive

Link Utili: Il sito del Comune / Wikipedia

Storia

Ispani  StemmaLe prime tracce documentate di popolazioni nel territorio comunale risalgono al periodo normanno. Su una collina, nei pressi di Capitello, detta oggi 'Castellaro', Ruggiero I insieme al nipote Ruggiero d'Apulia, costrui' infatti un castello a partire dall'anno 1055. Risale invece alla seconda meta' del XVI secolo la testimonianza della presenza degli Aragonesi o, almeno, di guarnigioni di soldati. Su un'altra collina ancora oggi si erge una torre di avvistamento, eretta per prevenire gli assalti dei pirati Saraceni, come le tante costruite da Gaeta a Reggio Calabria. Per fuggire alle scorribande dei Saraceni, e' lecito supporre che la gente fuggisse verso l'alto, arrampicandosi lungo le ripide colline ove oggi sorgono gli abitati di Ispani e San Cristoforo. Approfondimenti CLICCA QUI